Moschee, palazzi, minareti, monumenti, mura, edifici:

Marrakech



 thumbnail
La piazza ed il minareto della
Koutubia, la principale
Moschea di Marrakech

 thumbnail
Minareto della Koutubia
Marrakech

 thumbnail
Grande cortile interno
Palazzo Bahia - Marrakech

 thumbnail
Le due fontane del cortile
Palazzo Bahia - Marrakech
 thumbnail
Particolare di fregio in un
piccolo chiostro interno
Palazzo Bahia - Marrakech

 thumbnail
Fontana in un chiostro interno
Palazzo Bahia - Marrakech

 thumbnail
Interno di un ambiente
Palazzo Bahia - Marrakech

 thumbnail
  Chiostro interno
Palazzo Bahia - Marrakech

 thumbnail
Interno dell'alcova
Palazzo Bahia - Marrakech

thumbnail
Tombe Saadiane- Marrakech

thumbnail
Tombe Saadiane - Marrakech

 


Fes


thumbnail
  Scuola Coranica in Fes -
Chiostro interno con vasca

thumbnail
  Scuola Coranica in Fes
Chiostro interno

thumbnail
  Scuola Coranica in Fes -
Frontone e grondaia

thumbnail
  Palazzo nobiliare in Fes
chiostro interno

 fontana
  Fes: una fontana pubblica
nella medina

 thumbnail
  Moschea di Fes:
un portale

 
 thumbnail
  Le sette porte d'oro
del palazzo reale
a Fes


thumbnail
  Porte del palazzo reale
a Fes 

thumbnail
  La Porta Blu - Fes



thumbnail
La Kasbah di Fes



Volubilis
Volubilis e' un sito archeologico situato vicino a Fes. La citta' era un insediamento romano piuttosto importante di eta' imperiale. Il nome viene dalle piante di convolvoli blu (Ipomea Violacea), pianta che qui e' particolarmente abbondante . Volubilis infatti significa "che si attorciglia", caratteristica propria dei fusti striscianti della pianta del convolvolo. Per un italiano le rovine di Volubilis sono tutt'altro che impressionanti, ma l'ambiente in cui sono inserite ed il loro stato di conservazione le rende interessanti comunque. Da Volubili si ha una bellissima vista sulla citta' di Moulay Idriss.



thumbnail
  Le rovine di Volubilis

thumbnail
  Vista sulle rovine di Volubilis

thumbnail
  Tre colonne di Volubilis,
La citta' di Moulay Idriss
sullo sfondo. Notare il nido
di cicogna sulla colonna

thumbnail
  Il decumano (antica strada
di accesso) a Volubilis

thumbnail
  L'arco di Caracalla a Volubilis

thumbnail
  Fontana pubblica a
Moulay Idriss


Meknes


thumbnail
  La porta Bab el Mansour

thumbnail
  Porta Bab El Mansour - Particolare

thumbnail
  Porta Bab El Mansour - Particolare

thumbnail
  Altra porta monumentale a Meknes

thumbnail
  Piazza El Hedim - Meknes
Questo e' il lato del mercato

thumbnail
  Piazza El Hedim - Meknes
(di fronte a Bab El Mansour)
Questo lato e' piu' tranquillo

thumbnail
  Meknes - Le antiche scuderie
Il soffitto delle scuderie e'crollato
per il Terremoto di Lisbona del 1755

thumbnail
  Meknes - Le antiche scuderie
reali

thumbnail
  I granai di Meknes (*)

thumbnail
  Interno dei granai di Meknes (*)
con gruppo di turisti fotografanti

thumbnail
  Interno dei granai di Meknes (*)

thumbnail
  Mausoleo di Moulay Ismahil
Meknes - Interno
 
 
thumbnail
  Mausoleo di Moulay Ismahil

thumbnail
  Mausoleo di Moulay Ismahil
La nicchia in direzione della Mecca


thumbnail
  Meknes - Il cosidetto
"corridoio" tra le mura della citta'
ed il palazzo reale



thumbnail
  Meknes - Porta "del vento"




Rabat


thumbnail
  Il mausoleo di Mohammed V
esterno - Rabat

thumbnail
  Le mille colonne della
Moschea Incompiuta. Sullo sfondo,
la Torre Hassan - Rabat

thumbnail
  Rabat - Fontana vicino
al Mausoleo Mohammed V


thumbnail
  Rabat - Il palazzo reale
residenza dell'attuale
Re del Marocco


thumbnail
  Palazzo reale di Rabat



thumbnail
  Palazzo reale di Rabat:
La porta d'ingresso alla
residenza reale




thumbnail
  Piazza davanti al Palazzo
reale al tramonto



Casablanca, la Moschea Hassan II

Una delle cosa che piu' mi ha impressionato in questo viaggio. La Moschea e' sicuramente un'opera notevole, dal punto di vista ingegneristico e da quello artistico. Puo' contenere 25.000 fedeli all'interno e quasi 100.000 nel piazzale antistante. E' costata piu' di 1 miliardo degli attuali Euro, raccolti per gran parte come donazione spontanea della popolazione marocchina, entusiasta all'idea avuta dal re Hassan II. Ha impegnato nella costruzione 10000 artigiani marocchini per un periodo di 13 anni. Il suo minareto, alto 200 metri, e' il piu' alto del mondo. E' sicuramente un'opera che puo' reggere il confronto con San Pietro o Notre Dame, da molti punti di vista. La cosa piu' impressionante pero', secondo me, e' che sia stata costruita negli anni 80, ed inaugurata nel 1993. Senza nessun giudizio di merito e nessuna implicazione politico-ideologica, semplicemente credo che la nostra civilta' occidentale non sia piu' in grado di partorire un'opera del genere, dedicata al culto ed alla spiritualita'. Costruiamo tunnel sotto la Manica e ponti sopra lo stretto di Messina, musei d'arte moderna e grattacieli immensi, ma questo tipo di cose non le facciamo piu'. Puo' essere un bene o un male, giudichi chi legge.


thumbnail
  Moschea Hassan II: un tentativo di
veduta d'insieme ottenuto
appiccicando 2 foto (il mio grandangolo
non e' abbastanza grandangolo)

thumbnail
  Il Minareto della Moschea

thumbnail
  Il Minareto visto da un'altra
angolazione

thumbnail
  Moschea Hassan II: La parte sinistra
e parte della piazza antistante

thumbnail
  La piazza antistante la Moschea
Hassan II (veduta parziale)

thumbnail
  Moschea Hassan II: la parte a
destra del Minareto

thumbnail
  Due porte della Moschea
(notare le proporzioni)

thumbnail
  Moschea Hassan II: I sotterranei

thumbnail
  Moschea Hassan II: ricostruzione
di un Hammam (bagno turco)

thumbnail
  Moschea Hassan II: Interno
Navata principale

thumbnail
  Moschea Hassan II: Interno

thumbnail
  Moschea Hassan II: Interni
Scalone e pilastri

thumbnail
  L'enorme portale che si vede al fondo
si apre pneumaticamente verso l'alto!

thumbnail
  Moschea Hassan II: Particolare
di soffitto a cupola e lampadario

thumbnail
  Moschea Hassan II: Balaustrata che
conduce all'uscita

thumbnail
  Moschea Hassan II: Vista
dei sotterranei

thumbnail
   Moschea Hassan II: Vista
dei sotterranei



Tafraout

Appena arrivati, dopo quattro ore di macchina da Agadir, una delusione: Che c'e' da vedere? Ma poi i suoi edifici rosa, ocra e rossi immersi tra gli enormi blocchi di granito rosa, ocra e rossi ripagano il viaggio. Non e' tanto Tafraout, da vedere, ma l'incredibile paesaggio in cui questo paesino e' immerso. Vicino a Tafraout, l'inutile opera d'arte di un artista d'ambiente belga di cui si ignora il nome, che potete ammirare (in parte) a questo link.


thumbnail
  Tafraout: Edifici e Rocce

thumbnail
  Tafraout: La Moschea

thumbnail
  Tafraout: Un Palazzo




(*) I granai di Meknes sono un'imponente struttura a fianco delle scuderie reali. Il terremoto di Lisbona del 1755, che ha distrutto i soffitti delle scuderie, non ha danneggiato invece la massiccia struttura dei granai. Le mura di questo edificio sono talmente spesse che la temperatura all'interno si mantiene costante a 13 gradi. Sono stati costruiti appositamente per immagazzinare grandi quantita' di grano o di altre derrate alimentari (es. olive) che, con l'ambiente a temperatura costante, si conservavano molto a lungo. Strutture simili si ritrovano in tutta l'Africa del nord, perche' i berberi avevano ovunque la necessita' di immagazzinare le derrate nei tempi grassi per conservarli per i tempi magri. Un esempio sono i granai di Medenine in Tunisia (come si vede dalla foto sotto oggi trasformati in negozietti di souvenir per turisti) ma le dimensioni di quelli di Meknes sono molto piu' impressionanti.

i granai di Medenine
I granai di Medenine in Tunisia


Home